Documentazione necessaria per l’ingresso nel paese Turkmenistan

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno tre mesi. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia (non è ancora presente in Italia l’Ambasciata del Turkmenistan vedi sotto) o presso il proprio Agente di viaggio.

Visto di ingresso: obbligatorio per tutte le tipologie di viaggio. In Italia non sono al momento presenti Rappresentanze diplomatiche o consolari turkmene: il visto può essere richiesto all’Ambasciata turkmena a Parigi (Rue Picot, 13 75116 Parigi; tel. +0033147550536; fax 0033147550568) o presso qualsiasi Rappresentanza diplomatica turkmena presente all’estero. Il rilascio del visto è subordinato alla presentazione di una lettera di invito di una agenzia turistica turkmena.
E’ possibile ottenere il rilascio del visto all’aeroporto o alla frontiera, solo previo positivo completamento della procedura di invito (ad esempio, da parte di una agenzia turistica o Società presente in loco) con il rilascio dell’autorizzazione all’ingresso nel territorio turkmeno rilasciata dal “Servizio Statale per le Migrazioni del Turkmenistan, presso il quale è necessario registrarsi entro tre giorni dall’arrivo nel Paese.

Formalità valutarie e doganali: la valuta deve essere dichiarata all’ingresso nel Paese; non è permesso esportare valuta superiore a quella dichiarata in entrata. È vietato cambiare la valuta pregiata al mercato nero. È sempre consigliabile portare con sé denaro contante. I dollari USA sono generalmente più diffusi e più facilmente convertibili presso le banche e gli uffici di cambio. L’uso delle carte di credito è molto limitato. Al momento l’unica carta di credito accettata (ma solo nei principali alberghi internazionali e non sempre) è la VISA.

Limitazione di esportazione: è vietata l’esportazione di tappeti antecedenti al 1970; ogni tappeto acquistato deve essere accompagnato da un certificato di esportazione rilasciato dal negoziante e comporta il pagamento dei diritti doganali. Dipinti o altri oggetti di antiquariato possono essere esportati solo previa autorizzazione del Ministero della Cultura (da richiedere con congruo anticipo rispetto alla partenza). Le ispezioni doganali del bagaglio sono particolarmente accurate.

SICUREZZA:
Le condizioni di sicurezza nella capitale Ashgabat e nei principali centri urbani del Paese (Turkmenbashi, Merv) sono nel complesso accettabili. Si consiglia grande cautela negli spostamenti notturni e al di fuori dei centri urbani, anche per le difficoltà logistiche connesse alle cattive condizioni della rete stradale. È consigliabile, in ogni caso, servirsi di una guida locale, anche per la frequenza dei controlli da parte della polizia. Il paese registra bassi livelli di criminalità, ma si suggerisce prudenza nel frequentare i luoghi affollati (mercati) per il possibile rischio di borseggi. In generale, si suggerisce il rispetto di elementari regole di cautela quali: non portare indosso gioielli vistosi, non mostrare in pubblico grandi somme di denaro, non usare taxi non ufficiali, soprattutto di notte. Il Turkmenistan condivide con resto del mondo la crescente esposizione al rischio del terrorismo internazionale. Si raccomanda inoltre cautela in tutte le aree periferiche del paese, in particolare quelle in prossimità delle frontiere. Alcune aree del Paese (Dekhistan, Kerki, Gushgi, Saraghs, Riserva naturale di Badkhyz e di Kugitang) sono accessibili solamente previo rilascio di apposito permesso da parte del Ministero degli Esteri locale.

Avvertenze:
Si raccomanda di notificare sempre all’arrivo nel Paese la propria presenza e gli eventuali spostamenti all’Ambasciata d’Italia ad Ashgabat e di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare sul sito DoveSiamoNelMondo. 

Si consiglia di:
- avere un comportamento ed un abbigliamento consono alle sensibilità locali tenendo presente che il Turkmenistan è un Paese islamico; 
- non avvicinare le donne locali e di non effettuare riprese fotografiche alle persone senza aver ottenuto il consenso degli interessati; 
- non effettuare riprese e foto di edifici pubblici. È vietato riprendere edifici pubblici, caserme di polizia e militari. 
Si segnala inoltre che è vietato fumare in luoghi pubblici e in strada.

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga (leggere o pesanti):
La legge locale punisce severamente i reati connessi alla droga (compreso il consumo). 

In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare l’Ambasciata d’Italia per la necessaria assistenza.
In caso di emergenza contattare l'Ambasciata d'Italia al cellulare di emergenza
+993 61174271

Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!